Dove nascono i colori

È proprio il caso di dire “è nata una stella”, la nuova e luminosa Associazione La Stella vi invita a partecipare agli interessanti laboratori che propone: musicoterapia, teatro, pittura, aperti a tutti i bambini.
Personalmente condurrò un laboratorio di pittura e disegno sui colori dell’arcobaleno, Dove nascono i colori, della durata di 10 ore, con incontri di un’ora a settimana. Vi aspettiamo numerosi all’oratorio di Urbania all’inaugurazione del 5 ottobre, vi aspettiamo a partire dalle 16!

[hr]

Dove nascono i colori?

Laboratorio di pittura rivolto ai bambini dai 6 anni in su

Grazie a questo laboratorio si farà esperienza dei colori dell’arcobaleno (rosso, arancione, giallo, verde, blu, violetto, indaco). Il percorso propone una breve teoria, e soprattutto sperimentazioni, tramite il disegno e la pittura, volte a far vivere l’importanza di questi sette colori, la loro nascita dal rapporto luce/ombra, la loro influenza sul nostro umore, il sentirci bene quando li usiamo, dove li riconosciamo, quali apprezziamo, quali invece troviamo sgradevoli e in quali elementi naturali li ritroviamo.

L’ultima parte di ogni lezione, ognuna dedicata a uno dei sette colori, sarà dedicata a realizzare un’opera d’arte collettiva con tecniche miste che verrà ultimata al decimo incontro. Verrà inoltre richiesto ai bambini di portare materiali di ogni sorta da riciclare per completare il nostro Arco Baleno.

no images were found

A volte ciò che conosciamo è molto più di ciò che pensiamo di sapere. I bambini, nella loro semplicità, hanno le capacità per partecipare a un laboratorio che permetta loro di avere un primo contatto col mondo dei colori, di farne esperienza attraverso la pittura e per padroneggiare umori e liberare espressioni creative.

Una ricerca verso se stessi e ciò che proviamo, che sia gioia o tristezza, trovare un valido canale per esprimere le emozioni ed elaborarle, crescendo o semplicemente dipingendo e disegnando per il desiderio di farlo, vivendo il benessere che dona l’esperienza dei colori.

 

Contatti

Roberta Bagni → info[chiocciola]robertabagni.eu | Tel. 348 518 9218 oppure 0722 310 318

[hr]

I mostri mangiasacchetti

Corvocurvo

Prototipo di Corvocurvo Prototipo di Corvocurvo. Se ne desideri un esemplare ti basta ordinarlo!Corvocurvo ha un carattere meravigliosamente scordereccio, è ottimo compagno per amici, parenti o amanti con lo stesso difetto di memoria. Non si dilunga in chiacchierate ma ha la particolare capacità di allietare gli animi nel silenzio più totale. Fa dono della sua benevolenza e augurio di buona sorte a chi abbia il piacere di averlo al proprio fianco. Inoltre, da qualche anno, è stato insignito dell’onorevole Premio Mostrel Scacciamalintenzionati, ovvero la versione moderna e più aggiornata dell’antico e superato spaventapasseri (Corvocurvo attira i passeri aumentando la biodiversità del luogo e scaccia i malintenzionati parassitari).

A Corvocurvo piacciono i piatti che vengono lavati, le serate davanti alla stufa accompagnate da un bicchiere di vino, il rumore della pioggia.
A Corvocurvo non piacciono le casalinghe isteriche, i bruchi nella farina dimenticata, i gatti in amore.

 

Muccagiuliva

Prototipo di Muccagiuliva Prototipo di Muccagiuliva. Se ne desideri un esemplare ti basta ordinarlo!Muccagiuliva è estrosa e con grandi doti canore. Espansiva e “ariosa”, è pronta a difendere i più deboli da qualsiasi attacco col suo potente canto. Gentile e allegra, intrattiene i vostri ospiti nelle serate di compagnia o cene eleganti. L’importante è farla sentire utile o tenderà a mettersi in bella mostra ostacolando i dialoghi, a causa della sua grande vanità e sarà portata a rompere involontariamente servizi di piatti e bicchieri, a causa della sua sbadataggine. È un animale molto goloso di sacchetti, la sua fame non si estingue mai. Ha bisogno di almeno dieci complimenti al dì.

A Muccagiuliva piacciono i tacchi 18 color rosa smaltato (meglio se del modello Pin Up), i bambini che giocano e ridono, la ridarella contagiante e i cani che scodinzolano.
A Muccagiuliva non piacciono le donne vanitose (per la concorrenza), gli aerei militari che volano a un metro dalla sua testa, i fiori dimenticati.

 

Mostrofico

Prototipo di Mostrofico Prototipo di Mostrofico. Se ne desideri un esemplare ti basta ordinarlo!Della categoria i mostri utili, il Mostrofico (gran divoratore di sacchetti riutilizzabili) è ottimo per tenere compagnia nelle serate di svago, ha una vista molto acuta benché possegga solo un occhio. È ideale come mostro da guardia per difendere i vostri beni più preziosi ed è consigliabile chiudere il locale in cui si trova in caso rimanga solo poiché –unico suo difetto, essere girovago e solitario– è propenso a perdersi non avendo un buon senso dell’orientamento.

A Mostrofico piacciono le donne che ridono, le serate di festa, la musica alta.
A Mostrofico non piacciono i litiganti, i palpeggiatori, gli ubriachi che si trascinano. È un mostro molto antico. Porta fortuna per la sua preziosa foglia di fico che raccolse da Adamo ed Eva prima della loro cacciata dall’Eden. Gran bonaccione, vaga perso da quel periodo, chiunque lo trovi è pregato di accoglierlo con reverenza.

[hr]Se desideri un esemplare di Corvocurvo, o di Muccagiuliva, o di Mostrofico, ti basta ordinarlo! ;-)[hr]

Bozzetto dei mostri mangiasacchetti Bozzetto dei mostri mangiasacchetti

[hr]

 

La settimana delle emozioni

Ho partecipato come educatrice all’ultima settimana del centro estivo Giovanissimi Uniurb, condotto da Rosanna Riminicci dell’associazione Madamadorè. Con Katia ci siamo dedicate ai “bambini della luna”, i più piccini che ancora frequentano le scuole materne, e in particolar modo alle loro emozioni, cercando di portarle a espressione attraverso il disegno.

Ci sedevamo in cerchio: cosa ci rende davvero felici? E ogni bambino ha raccontato la propria felicità dopo aver disegnato una faccina felice. Abbiamo lavorato anche sulla tristezza, la rabbia e lo stupore.  Alla fine della settimana abbiamo raccolto le loro esperienze nel Libro delle emozioni, decorato da ciascun bimbo con collage o disegni.
E cos’è la felicità per i bimbi delle materne? La felicità è la festa di compleanno, il mare. E anche un gelato 😉

2013, settembre | Giovanissimi Uniurb 2013, settembre | Giovanissimi Uniurb Un vivace cartone realizzato dai "Bambini del Sole", con colori stesi e gocciolati

[hr]