About

 

BREVE BIOGRAFIA DI UNA PASSIONE

L’arte l’ho adorata sin da piccina, era ed è sempre stata la mia stanza magica dei segreti, una stanza dove trovare ristoro, nutrimento, pace, dove dare sfogo ai propri tormenti, dove fare pace con se stessi, dove crescere apprendendo. Dopo la maturità al liceo artistico ho scelto di avvicinarmi al mondo dei bambini, come sfida perché, a dire il vero, era un mondo, quello dei bimbi, che mi incantava e mi inquietava allo stesso tempo: i bambini ti stupiscono all’improvviso, sono veri e profondi, sembrano provenire da altri mondi. Mi piaceva e mi piace ancora, sfidarmi. Mentre sperimentavo il circo teatro danza in spettacoli di strada e nei Festival dedicati, iniziai come animatrice e già “documentavo” disegni, esperienze espressive nel mondo dei cuccioli. Mi sono iscritta all’ Accademia di Belle Arti di Urbino, diplomandomi con il massimo dei voti, svolgendo una tesi sperimentale in teoria della percezione, uno studio che partiva dal mio interesse per la danza, una ricerca di anni tra arte, danza e movimento, una ricerca sulla performance, sulla“etimologia della parola e del corpo”, sulla parola e l’impronta. In quel periodo meraviglioso e difficile degli studi mi cimentai in corsi di pedagogia dell’espressione artistica, psicologia, teoria della percezione e tecniche pittoriche. Mi ero ripromessa che non avrei mai insegnato, mai e poi mai. Forse per i brutti ricordi legati al mondo della scuola, per il mio orgoglio e testardaggine? Una sciocca promessa, comunque, dato che alla base dell’espressione artistica c’è un continuo apprendimento e insegnamento e, come mamma, da subito non ho potuto fare a meno di passare ore e ore a usare colori, forbici e quant’altro assieme a mio figlio, insegnando ciò che conoscevo. L’arte si respira e si espira, altrimenti muore, vive a metà e così fa chi l’ama. Ad oggi mi ritrovo tra scuole, centri di lettura e eventi legati all’ insegnamento, per sviluppare progetti di promozione alla lettura, laboratori artistici e di manualità creativa in collaborazione con enti e associazioni, sono atelierista nelle Scuole dell’Infanzia, “esperto” per le qualificazioni scolastiche nelle Scuole Primarie e Secondarie di primo grado e docente di arte e immagine (una docenza appena nata e in via di sviluppo…). Ringrazio il Centro la Lucertola di Ravenna e l’associazione culturale Fatabutega dove ho recentemente trovato terreno fertile per le mie passioni e colleghi molto dedicati al loro lavoro. Ringrazio tutti quegli amici che mi hanno aiutata e seguita nel corso degli anni, spronata e anche sgridata. Qualsiasi strada percorrerò, rimarrò fedele alla necessità di vivere l’arte, di tramandare la passione per l’espressione artistica in tutte le forme nella quale l’amo e vivo, a partire dalla Natura.